Agriturismo

Descrizione

Per attività agrituristiche si intendono le attività di ricezione e ospitalità esercitate per almeno sessanta giorni l’anno dagli imprenditori agricoli, attraverso l’utilizzo delle strutture aziendali in connessione con le attività di coltivazione del fondo, di silvicoltura e di allevamento degli animali.
Rientrano tra le attività agrituristiche; l’ospitalità in alloggi o in spazi aperti destinati alla sosta dei campeggiatori; la somministrazione di pasti e bevande (costituiti principalmente da prodotti di propria produzione o di aziende agricole regionali dotate di marchio IGP); la degustazione di prodotti aziendali, ivi compresa la mescita di vini di produzione; l’organizzazione di attività ricreative, culturali, enogastronomiche, didattiche e di pratica ludico/sportiva.

Sono addetti allo svolgimento dell’attività agrituristica l’imprenditore agricolo e i suoi familiari, ai sensi dell’articolo 230-bis del codice civile, nonché i lavoratori dipendenti a tempo determinato, indeterminato e parziale. Tali addetti sono conside rati lavoratori agricoli ai fini della vigente disciplina previdenziale, assicurativa e fiscale. E’ ammesso l’utilizzo di soggetti esterni all’impresa agricola per attività e servizi complementari all’agriturismo. Per attività complementari si intendono le attività occasionali di intrattenimento degli ospiti strettamente connesse alla valorizzazione delle tradizioni locali, del patrimonio rurale, storico e artistico del territorio.

Rientrano fra le attività agrituristiche:

  1. dare ospitalità in alloggi o in spazi aperti destinati alla sosta di campeggiatori;
  2. somministrare pasti e bevande costituiti prevalentemente da prodotti propri e da prodotti di aziende agricole della Regione e delle province confinanti, anche di un’altra Regione, ivi compresi i prodotti a carattere alcolico e superalcolico, con preferenza per i prodotti tipici caratterizzati dai marchi di Denominazione di origine protetta (DOP) e di Indicazione geografica protetta (IGP) dal marchio collettivo d’area regionale “Prodotti di Puglia” e dai prodotti tradizionali agroalimentari regionali inseriti nell’elenco nazionale di cui al regolamento recante norme per l’individuazione dei prodotti tradizionali di cui all’articolo 8, comma 1, del decreto legislativo 30 aprile 1998, n.173,
    emanato con decreto ministeriale 8 settembre 1999, n. 350. Sono considerati di propria produzione i cibi e le bevande prodotti, lavorati e trasformati nell’azienda agricola, nonché quelli ricavati da materie prime dell’azienda agricola e ottenuti attraverso lavorazioni esterne;
  3. organizzare degustazioni di prodotti aziendali, ivi inclusa la mescita di vini, ai sensi della legge 27 luglio 1999, n. 268 (Disciplina delle “strade del vino”);
  4. organizzare, anche all’esterno dei beni fondiari nella disponibilità dell’impresa, attività ricreative, culturali, enogastronomiche, didattiche e di pratica sportiva, nonché escursionistiche e di ippoturismo, anche avvalendosi di convenzioni con gli enti locali, finalizzate in particolare alla valorizzazione del territorio e del patrimonio rurale.

Normative di riferimento

Legge 7-8-1990, n. 241 :Nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi.

LEGGE 20-2-2006, n. 96: Disciplina dell’Agriturismo.

Determinazione dirigenziale (Regione Puglia) 1-8-2014, n. 268: Approvazione linee guida e modulistica per la richiesta di iscrizione nell’Elenco regionale degli operatori agrituristici.

Deliberazione della Giunta Regionale (Regione Puglia) 27-6-2014, n. 1399: Legge Regionale 42/2013 “Disciplina dell’agriturismo”. Disposizioni attuative.

Legge regionale (Regione Puglia) 13-12-2013, n. 42: Disciplina dell’agriturismo.

Determinazione dirigenziale (Regione Puglia) 30-8-2007, n. 356: Attuazione Decreto legislativo 22 aprile 2004, n. 99 e successivi di applicazione – Approvazione dei criteri e disposizioni per il rilascio delle certificazioni sulle qualifiche imprenditoriali in agricoltura.

REQUISITI SOGGETTIVI

Per svolgere l’attività è necessario :

  • possedere i requisiti previsti dalla normativa antimafia;
  • soddisfare i requisiti morali;
  • Qualifica imprenditore agricolo;
  • Iscrizione elenco operatori agrituristici;
  • Abilitazione esercizio attività agrituristica.

Per esercitare l’attività di vendita al dettaglio di prodotti alimentari, è necessario soddisfare anche i requisiti professionali.

REQUISITI OGGETTIVI

I locali dove si svolge l’attività devono avere una destinazione d’uso compatibile con quella prevista dal piano urbanistico comunale.  Devono essere rispettate le norme e le prescrizioni specifiche dell’attività, per esempio quelle in materia di urbanistica, igiene pubblica, igiene edilizia, tutela ambientale, tutela della salute nei luoghi di lavoro, sicurezza alimentare, regolamenti locali di polizia urbana annonaria.

Per esercitare l’attività di vendita al dettaglio di prodotti alimentari è inoltre necessario rispettare i requisiti dettati dalla normativa vigente in merito all’igiene dei prodotti stoccati, prodotti e venduti.

Cosa fare

Modalità per l'effettuazione dei pagamenti

Pago Pa

Direttiva per la qualità dei servizi on line e la misurazione della soddisfazione degli utenti

Commenta la seguente affermazione: "ho trovato utile, completa e corretta l'informazione."
  • 1 - COMPLETAMENTE IN DISACCORDO
  • 2 - IN DISACCORDO
  • 3 - POCO D'ACCORDO
  • 4 - ABBASTANZA D'ACCORDO
  • 5 - D'ACCORDO
  • 6 - COMPLETAMENTE D'ACCORDO
X
Torna su